Le parole per dirlo – Marie Cardinal

copertina libro marie cardinal - le parole per dirlo

“Dottore, sono malata da molto tempo. Non ce la faccio più a vivere.”

“Durante tutta l’analisi e ancora oggi non ho mai smesso di meravigliarmi di fronte al lavoro stupendo che avviene tra il conscio e l’inconscio.”


Le Parole per Dirlo è la storia di una rinascita, di un lento e graduale recupero della propria storia e delle proprie emozioni attraverso la terapia psicoanalitica. L’analista, per sette lunghi anni, raccoglie il flusso di parole e di emozioni di Marie con la sapiente coscienza del silenzio e dell’ascolto, interrotto a tratti dalla domanda giusta posta al momento giusto. Poco a poco, le parole, provenienti dalle profondità dell’inconscio, diventano vive e riportano in superficie ricordi, emozioni, sentimenti rimossi e accantonati per lungo tempo. Il dolore dell’anima, profondo e lacerante, può raggiungere la consapevolezza solo attraverso l’ascolto psicoanalitico e diventare quindi trattabile per essere elaborato.

Sono le parole liberate dall’analisi a permettere all’autrice di raccontare l’indicibile, di vincere la paura, di riannodare i fili della sua storia. E’ quindi la parola che libera Marie dalle sue sofferenze, dalla sua nevrosi, fino a far nascere da lei una nuova donna. L’analisi di Marie si conclude dopo sette anni: “Esisto da sette anni…Sono nata con la psicoanalisi […] La porta chiusa dietro di me. Davanti il vicolo, la strada, la città, la terra e una voglia di vivere e di costruire grossa come il pianeta.”