La moda contro Photoshop – un altro passo

Un’altra buona notizia dal mondo della moda: l’Huffington Post ci racconta, in un articolo comparso online nel maggio 2016, che un’altro marchio, in questo caso americano di intimo, ha messo al bando l’utilizzo di photoshop nelle proprie campagne pubblicitarie. La scelta, presa già nel 2014, è stata apprezzata dalle clienti e dalle potenziali tali: nel 2015 le vendite sono infatti cresciute del 20%, e del 32% nel primo trimestre del 2016, ben oltre le stime effettuate nelle previsioni degli analisti.
Jennifer Foyle, presidente di Aerie, spiega come l’obiettivo di questa decisione fosse quello di aiutare le donne ad accettare e valorizzare il proprio corpo così com’è, senza ritocchi. Con le conseguenti ricadute in termini di autostima.
La didascalia della foto pubblicitaria recita: “How do you get a perfect bikini body? Put a bikini on your body.”
Anche considerando che si tratta pur sempre di una campagna di marketing, ci sembra che questa vada proprio nella direzione giusta.

Vedi gli altri articoli su questo argomento:

Anche la Francia contro l’anoressia

Lo stereotipo del corpo femminile

Israele contro l’anoressia

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *