copertina del singolo dei Rolling Stones "Paint It Black"

Attraverso la musica, così come attraverso qualsiasi forma di arte, è possibile trovare una strada per affrontare il difficile compito dell’elaborazione di una perdita o di un grave lutto?

I Rolling Stones pubblicano “Paint It Black” nel 1966. La canzone fu scritta da Mick Jagger, Keith Richards e Brian Jones e il testo è incentrato sulla sofferenza di un uomo che ha visto morire la propria donna. Alcune critiche sostengono che lo spunto per il contenuto sia autobiobrafico.

Ad ogni modo il testo è ricco di sentimenti tipici dello stato d’animo di chi si trova ad affrontare un grave dolore, un distacco o una perdita. Ci sono i sentimenti depressivi, l’indifferenza verso il resto del mondo a colori, la negazione, il rifiuto, l’incredulità, il tentativo di evitare e allontanare la sofferenza…forse anche la speranza. Il tutto accompagnato da una musica straordinaria, incalzante ed arrabbiata.

La sublimazione della rabbia e del dolore in una forma di arte o di attività intellettuale effettivamente rappresenta uno dei tentativi più evoluti dell’essere umano per cercare di elaborare un dolore profondo e inesprimibile, e di trasformarlo, se possibile, in creatività vitale e quindi raggiungere l’ultima fase dell’elaborazione del lutto, che è quella dell’accettazione.

Guarda il video

“I see a red door and I want it painted black
No colors anymore I want them to turn black
I see the girls walk by dressed in their summer clothes
I have to turn my head until my darkness goes
I see a line of cars and they’re all painted black
With flowers and my love both never to come back
I see people turn their heads and quickly look away
Like a new born baby it just happens ev’ry day
I look inside myself and see my heart is black
I see my red door and it has been painted black
Maybe then I’ll fade away and not have to face the facts
It’s not easy facin’ up when your whole world is black
No more will my green sea go turn a deeper blue
I could not foresee this thing happening to you
If I look hard enough into the settin sun
My love will laugh with me before the mornin comes
I see a red door and I want it painted black
No colors anymore I want them to turn black
I see the girls walk by dressed in their summer clothes
I have to turn my head until my darkness goes
Hmm, hmm, hmm,…
I wanna see it painted, painted black
Black as night, black as coal
I wanna see the sun blotted out from the sky
I wanna see it painted, painted, painted, painted black
Yeah!”